La cucina dell'India del Nord

L’India si presenta a noi Occidentali come un paese dai forti contrasti. Ciò dipende dalla sua vastità e dalle molteplici influenze che nei secoli hanno plasmato la sua cultura. Questi aspetti sono presenti in ogni piega della vita quotidiana in India e, quindi, anche nella cucina che rispecchia la grande varietà delle sue genti.
Le influenze Moghul, musulmani di stirpe reale, che portarono con sé spezie esotiche, frutta secca, nocciole miscelate con latte e crema di yogurt, uno stile di cucina dal sapore delicato, talvolta agrodolce, con cibi immersi in deliziose salse accompagnati da risi biriani e pulao, arricchiti da uva sultanina, mandorle, anacardi, pistacchi; la cucina Kashmiri, proveniente dalle splendide terre del Nord, con l’uso predominante dello zafferano e di altre spezie preziose, un contributo davvero considerevole tant’è che molti piatti vegetariani, nonché ricette per cucinare il pesce in modo facile, veloce e davvero salutare hanno origine da lì; alcuni gruppi persiani, con la loro cucina particolarmente piccante e speziata, unitamente alle fortissime tradizioni religiose ( Induisti, Buddisti, Jainisti e Sikh), con restrizioni alimentari tali da indurre a sviluppare una grandissima fantasia culinaria: la fusione di queste influenze ha portato, nel tempo, lo stile di cucina che possiamo assaporare oggi presso il Ristorante SHIVA.